titoli, abstracts, parole chiave >>>
Notazioni (e/o rimeditazioni) su diritto romano e Carta de Logu de Arborea

Sini, Francesco (2013) Notazioni (e/o rimeditazioni) su diritto romano e Carta de Logu de Arborea. Diritto @ storia. Nuova serie (11). ISSN 1825-0300. Article.

[img]
Preview
Full text disponibile come PDF Richiede visualizzatore di PDF come GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
820Kb

Alternative URLs:

Abstract

Molto resta ancora da scrivere riguardo al problema della continuità del diritto romano nell’esperienza giuridica della Sardegna medievale, ed in particolare dell’influenza di quell’antico diritto sulla compilazione della Carta de Logu de Arborea: la più significativa opera legislativa in lingua sarda, promulgata dalla giudicessa Eleonora Bas-Serra nell’ultimo decennio del XIV secolo.
Presento in questo contributo alcune notazioni (e/o rimeditazioni) sulle mie precedenti ricerche; che in parte risultano anche riproposte, nella convinzione di renderle più fruibili esplicitandone meglio – nella necessaria sintesi espositiva – i risultati finora conseguiti. Fra i risultati, mi pare valga la pena di soffermarsi sul dato di maggiore impatto: il forte (ed innegabile) ancoramento della Carta de Logu al diritto romano; pur avvertibile nella gran parte dei 198 capitoli della Carta, appare del tutto evidente nei capitoli III, LXXVII, LXXVIII, XCVII e XCVIII; poiché in quei capitoli i compilatori arborensi plasmarono le soluzioni giuridiche proposte sul diritto romano, mediante espliciti riferimenti e rinvii ad un altro sistema normativo, identificato con sa lege o sa ragione. Così nel capitolo III, la pena capitale comminata all'omicida volontario si fonda sull’effettiva imperatività del diritto romano: «secundu quessu ordini dessa rag(i)oni comandat». Nei capitoli LXXVII e LXXVIII, sono riferiti in maniera esplicita al diritto romano i termini legali d’impugnazione, fissati entro il limite massimo di dieci giorni: «si appellado non est infra tempus legittimu de dies deghi comenti comandat sa lege». Inoltre, rimanda al diritto romano il capitolo XCVIII, laddove designa la porzione legittima dell'eredità con l’espressione «sa parti sua secundu ragione».
Dai capitoli della Carta de Logu appena citati si ricavano elementi ulteriori, ed assai significativi, per dimostrare la vigenza del diritto romano nella Sardegna medioevale; infatti, sia l’utilizzazione di verbi dall’indiscutibile valenza precettiva (comandare/ordinare), sia l’impiego di questi verbi al presente indicativo (comandat), attestano in maniera incontrovertibile il fatto che i compilatori della Carta de Logu ritenessero ancora vigente quel sistema normativo (sa lege, sa ragione) fatto oggetto di rinvio nel «codice» del Giudicato di Arborea.

Item Type:Article
ID Code:9790
Status:Published
Refereed:Yes
Uncontrolled Keywords:Carta de Logu de Arborea, diritto romano, Sardegna
Subjects:Area 12 - Scienze giuridiche > IUS/18 Diritto romano e diritti dell'antichità
Divisions:001 Università di Sassari > 01-a Nuovi Dipartimenti dal 2012 > Giurisprudenza
Publisher:Diritto @ storia
ISSN:1825-0300
Deposited On:12 May 2014 08:34

I documenti depositati in UnissResearch sono protetti dalle leggi che regolano il diritto d'autore

Repository Staff Only: item control page