titoli, abstracts, parole chiave >>>
Il Bronzo medio della Sardegna

Depalmas, Anna (2009) Il Bronzo medio della Sardegna. In: La preistoria e la protostoria della Sardegna: atti della 44. Riunione scientifica: vol. 1: relazioni generali, 23-28 novembre 2009, Cagliari - Barumini - Sassari, Italia. Firenze, Istituto italiano di preistoria e protostoria. p. 123-130. ISBN 978-88-6045-054-8. Conference or Workshop Item.

Full text not available from this repository.

Alternative URLs:

Abstract

Attraverso la disamina dei dati radiometrici e dei caratteri tipologici delle produzioni ceramiche, si affrontano i problemi relativi alla suddivisione in fasi del periodo. È possibile distinguere tre fasi. Nel BM1 (facies Sa Turricola) sono diffuse forme poco articolate e inornate, in prevalenza tegami con basse pareti e compaiono il bollitoio e la coppa di cottura, una sorta di campana con la sommità convessa che sarà ben documentata per tutto il corso dell’età nuragica. Nel BM2 è ampiamente diffusa l’olla a tesa interna con decorazione di punti impressi -anche a pettine- disposta secondo schemi metopali o a triangoli. Nella fase più avanzata del periodo (BM3) è documentata la ceramica decorata mediante pettine. Nelle fasi iniziali del BM vengono edificati i nuraghi a corridoio mentre i nuraghi a tholos sembrano comparire solo alla fine del periodo. Sono documentati villaggi di capanne realizzate con zoccolo di pietra o anche con materiale ligneo e mattoni di fango. In contemporanea con i nuraghi a corridoio si realizzano le tombe collettive (cd di giganti), la cui evoluzione dai tipi in tecnica ortostatico-dolmenica a quelli con muratura isodoma si compie, probabilmente, entro il BM2.

Significant ceramic changes indicates three phases in Sardinian MBA. In the MBA1 (Sa Turricola facies) the most common artefacts were low bread pans with fl at bottoms, although milk-boilers (cylindrical containers with inside-listel for inserting perforated diaphragms) were also widely used. The cooking dish - a type of bell-shaped pan with a convex top - also appears, and it has been found throughout the whole Nuragic period. In advanced times (MBA2) a widespread vessel is a “metopale” jar, decorated with rectangular or triangular zones filled with impressed designs. In the later phase (MBA3) the combed or “pettine” ware is documented. The early stages of the MBA were characterized by the corridor nuraghe and the tholos nuraghe started at the end of period. The construction of villages began during this first phase. These consisted of groups of stone huts, or, in the plains where no stone was available, perishable materials and/or crude mud bricks. The oldest collective tombs (Giants’ tombs) date from the same period as the corridor nuraghe; the evolution from dolmenic to isodomic building techniques probably ended in the middle of this period.

Item Type:Conference or Workshop Item (Contribute)
ID Code:9317
Status:Published
Uncontrolled Keywords:Tegami, ceramica metopale, nuraghi a corridoio
Pans, “metopale” ware, corridor nuraghe
Subjects:Area 10 - Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche > L-ANT/01 Preistoria e protostoria
Divisions:001 Università di Sassari > 01 Dipartimenti > Scienze umanistiche e dell'antichità
Publisher:Istituto italiano di preistoria e protostoria
Copyright Holders:© Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria, 2009
ISBN:978-88-6045-054-8
Deposited On:18 Nov 2013 15:30

I documenti depositati in UnissResearch sono protetti dalle leggi che regolano il diritto d'autore

Repository Staff Only: item control page