titoli, abstracts, parole chiave >>>
Nuovi derivati chinossalinici inibitori della Diidrofolato Reduttasi (DHFR) e della Timidilato Sintetasi (TS) della Leishmania major: risultati preliminari

Piras, Sandra and Loriga, Mario and Carta, Antonio and Paglietti, Giuseppe and Costi, M. Paola and Ferrari, Stefania (2004) Nuovi derivati chinossalinici inibitori della Diidrofolato Reduttasi (DHFR) e della Timidilato Sintetasi (TS) della Leishmania major: risultati preliminari. In: SardiniaChem 2004: giornata di studio dedicata alla chimica organica delle molecole biologicamente attive, 31 Maggio 2004, Sassari, Italia. Conference or Workshop Item.

[img]
Preview
Full text disponibile come PDF Richiede visualizzatore di PDF come GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
1566Kb

Alternative URLs:

Abstract

L’incidenza delle malattie protozoarie imputate al genere Leishmania è aumentata enormemente con la diffusione dell’AIDS. In particolare la forma viscerale della Leishmaniosi sta emergendo come malattia nuova e sempre più frequente. Oltre gli antimoniali altri farmaci importanti sono le pentammidine e l’amfotericina B. Un approccio abbondantemente esplorato in passato è stato lo sviluppo di farmaci antifolici antiprotozoari che bloccano il ciclo dell’acido folico, che, previa attivazione metabolica di enzimi folato dipendenti, attraverso il trasporto di unità carboniose, è responsabile della sintesi de novo degli acidi nucleici e degli amminoacidi. In questo senso sono stati usati il trimetoprim e la pirimetamina che sono attivi contro i plasmodi e i toxoplasmi, ma non contro le Leishmanie e i tripanosomi. Questi due protozoi appartenenti alla classe dei Kinetoplastidae sono sensibili agli antifolici antitumorali come il metotrexato (MTX), ma sviluppano immediatamente una chemioresistenza in quanto riattivano l’autoproduzione di acido folico mediante una via di salvataggio che impiega l’enzima Pteridina riduttasi, recentemente scoperto, appunto, nelle Leishmanie major e nel tripanosoma cruzi. Sulla base di queste premesse ci è sembrato che le nostre molecole a struttura chinossalinica, analoghe al metotrexato, potessero essere impiegate come inibitori enzimatici di questa famiglia di folato.

Item Type:Conference or Workshop Item (Poster)
ID Code:834
Status:Published
Uncontrolled Keywords:Leishmaniosi, inibitori enzimatici
Subjects:Area 03 - Scienze chimiche > CHIM/08 Chimica farmaceutica
Divisions:001 Università di Sassari > 01 Dipartimenti > Farmaco, chimico, tossicologico
Additional Information:Comitato organizzatore di SardiniaChem 2004: Giampaolo Giacomelli, Università di Sassari; Giovanna Delogu, CNR Sassari; Salvatore Cabiddu, Pier Paolo Piras, Università di Cagliari. Realizzazione: Università di Sassari, Dipartimento di chimica; CNR, Istituto di chimica biomolecolare, sez. Sassari; Università di Cagliari; Agilent Technologies, Italia, s.p.a., Agenzia Sardegna; DEPECO s.r.l.; Apparecchiature Scientifiche; DIAGEN s.a.s.; JASCO s.r.l.; SIGMA-ALDRICH s.r.l.
Deposited On:18 Aug 2009 10:03

I documenti depositati in UnissResearch sono protetti dalle leggi che regolano il diritto d'autore

Repository Staff Only: item control page