UnissResearch

Logo Universitàegli studi di Sassari
titoli, abstracts, parole chiave >>>
Omicidio e suicidio nei piccoli centri della Sardegna: indagine su anomia e solidarietà meccanica attraverso le statistiche giudiziarie

Cosseddu, Marianna (2009) Omicidio e suicidio nei piccoli centri della Sardegna: indagine su anomia e solidarietà meccanica attraverso le statistiche giudiziarie. Doctoral Thesis.

[img]
Preview
Full text disponibile come PDF Richiede visualizzatore di PDF come GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
1147Kb

Abstract

Le teorie dell’anomia e della disorganizzazione sociale sono sempre richiamate come spiegazioni causali dell’altrimenti incomprensibile aumento dei reati registrato dal secondo dopoguerra in poi nelle società occidentali dell’urbanesimo industriale. Ma lo sviluppo e la modernizzazione (il riferimento è alla cosiddetta development-crime hypothesis) hanno funzionato in Sardegna come forze di contenimento di una intensa e diffusa conflittualità violenta, piuttosto che come fattori di moltiplicazione della devianza. Eppure, il graduale “processo di civilizzazione” (Elias 1988) non pare ancora compiuto in quei territori dell’isola che per ragioni storiche, demografiche e sociali restano più legate alla cultura tradizionale (le cosiddette “zone interne”). Questi piccoli centri, afflitti da spopolamento e ridotte opportunità di sviluppo, continuano a rivolgersi al “codice della vendetta” (Pigliaru, 1959) come ad “un’abitudine acquisita” (Weber, 1995) che sopravvive alla scomparsa del sistema economico-sociale che in passato lo ha originato e ne giustificava l’esistenza. Che la violenza ancora viva in questi piccoli universi sociali rappresenti un tentativo di conservazione dell’ordine sociale dato è indirettamente confermato dalla elevata incidenza che anche il suicidio qui registra con puntualità. La corrispondenza alto omicidio - alto suicidio, che già Durkheim identificava come tratto caratterizzante la vita delle società primitive, induce ad interpretare la persistenza della vendetta come il frutto di una società ancora fatta di segmenti omogenei che, non potendosi differenziare, competono tra loro in modo violento e distruttivo, oppure soccombono secondo le regole della solidarietà meccanica. Il percorso interpretativo conduce a rifiutare la spiegazione “anomica” classica (sia per l’omicidio, sia per il suicidio), che Durkheim legava invece alle società più evolute, urbanizzate, liberate dal dominio del gruppo e tenute insieme dalla “solidarietà organica”. Persuade, infine, a respingere il convincimento diffuso che la violenza omicida, per come si manifesta nel particolare contesto sardo, sia interpretabile nei termini di un ridotto controllo sociale. Per quanto paradossale possa sembrare, continua piuttosto ad esserne strumento a salvaguardia del presunto ordine comunitario.

Item Type:Doctoral Thesis
ID Code:830
Publisher:Universita' degli studi di Sassari
Uncontrolled Keywords:Omicidio, vendetta, suicidio, solidarietà meccanica, anomia, Sardegna
Subjects:Area 14 - Scienze politiche e sociali > SPS/12 Sociologia giuridica, della devianza e mutamento sociale
Divisions:001 Università di Sassari > 01 Dipartimenti > Economia, istituzioni e società
Cicli, scuole e corsi:Ciclo 21 > Corsi > Scienze della governance e sistemi complessi
Deposited On:18 Aug 2009 10:03

I documenti depositati in UnissResearch sono protetti dalle leggi che regolano il diritto d'autore

Repository Staff Only: item control page