titoli, abstracts, parole chiave >>>
Effetto di polimorfismi in geni candidati sulle caratteristiche qualitative del latte ovino

D'Andrea, Maria Silvia and Mele, Marcello and Dimauro, Corrado and Pilla, Fabio and Fresi, Pancrazio and Bracciaferri, C. and Macciotta, Nicolò Pietro Paolo (2010) Effetto di polimorfismi in geni candidati sulle caratteristiche qualitative del latte ovino. Large Animal Review, Vol. 16 (5, suppl.), p. 71. ISSN 1124-4593. Article.

Full text not available from this repository.

Alternative URLs:

Abstract

La valutazione dei riproduttori negli ovini viene attualmente svolta attraverso i classici metodi di stima del valore genetico utilizzando le informazioni relative ai fenotipi ed ai rapporti di parentela. Dato il sistema di allevamento, la difficoltà ed il costo dei controlli funzionali e la scarsa efficienza della inseminazione strumentale non in tutte razze viene praticato il miglioramento genetico ed in ogni caso per il latte vengono valutati soltanto gli aspetti quantitativi della produzione (Carta et al. 2009). Tuttavia risultano di particolare interesse per il latte ovino gli aspetti nutraceutici con particolare riguardo al contenuto dei diversi acidi grassi per i quali è stata recentemente dimostrata l’esistenza di un determinismo genetico. L’individuazione dei geni responsabili delle caratteristiche quanti-qualitative del latte ovino permetterebbe quindi di aumentare l’efficienza del miglioramento genetico e di considerare nuovi obiettivi di selezione quali le caratteristiche nutrizionali e funzionali del latte. Una valida strategia per identificare i geni responsabili di un carattere è quella di verificare le associazioni tra polimorfismi di geni candidati (presumibilmente coinvolti nel carattere in base alla loro funzione o ad analogie con altre specie) e livelli diversi di espressione fenotipica. Per quanto riguarda la qualità del latte due geni: Delta 9 desaturasi (SCD) e il diacylglycerol acyltransferase1 (DGAT1) sono già risultati influenzare le caratteristiche della produzione di latte nei bovini (Mele et al. 2007) e negli ovini (Scatà et al. 2009). Lo scopo del lavoro è stato quello di associare polimorfismi dei geni codificanti per l’SCD e DAGT1 alle caratteristiche qualitative e quantitative del latte ovino.

Item Type:Article
ID Code:7582
Status:Published
Refereed:Yes
Uncontrolled Keywords:Miglioramento genetico, ovini da latte, acidi grassi del latte
Subjects:Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > AGR/17 Zootecnica generale e miglioramento genetico
Divisions:001 Università di Sassari > 01 Dipartimenti > Scienze zootecniche
Publisher:Società italiana veterinari per animali da reddito
ISSN:1124-4593
Additional Information:Comunicazione presentata al 19. Congresso nazionale S.I.P.A.O.C., Baia Flaminia Resort - Pesaro San Patrignano - Coriano (Rimini), Italia, 22-25 settembre 2010.
Deposited On:17 May 2012 13:11

I documenti depositati in UnissResearch sono protetti dalle leggi che regolano il diritto d'autore

Repository Staff Only: item control page