UnissResearch

Logo Universitàegli studi di Sassari
titoli, abstracts, parole chiave >>>
L'Open Access: una nuova speranza

Caso, Roberto (2008) L'Open Access: una nuova speranza. In: Accesso aperto e comunicazione scientifica, 17 novembre 2008, Sassari, Italia. Conference or Workshop Item.

[img]
Preview
Full text disponibile come PDF Richiede visualizzatore di PDF come GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
84Kb

Abstract

Esiste una divaricazione tra il controllo dell'informazione che fa leva sulla proprietà  intellettuale e quello che si basa sulle norme informali della comunità  scientifica. Qual è l'impatto delle tecnologie digitali su queste diverse concezioni del controllo dell'informazione? Ad una prima superficiale impressione le tecnologie digitali moltiplicano ed accelerano le possibilità  di accesso alla conoscenza scientifica. Dunque, si potrebbe pensare che il loro utilizzo all'interno della comunità  scientifica abbia rafforzato la tendenza ad aprire al pubblico i risultati della ricerca. Tuttavia, il quadro è molto più complesso. Si delinea il rischio è determinato da una serie di fattori - che il controllo rigido e accentrato, come quello basato su sistemi di Digital Rights Management (DRM), ed improntato a logiche commerciali colonizzi il settore della comunità degli scienziati (che invece è animato dalla logica del controllo flessibile e decentrato fondato su consuetudini e norme informali) determinando una forte compressione delle possibilità  di accesso alla conoscenza scientifica espressa in forma digitale. D'altro canto, una parte importante della comunità  scientifica sta cercando di contrastare questo rischio con il movimento che va sotto il nome di Open Access (OA). Tale movimento è supportato da dichiarazioni, policies e linee guida di istituzioni pubbliche nazionali ed internazionali. La comunità  scientifica si dibatte, insomma, tra le «allettanti promesse» della commercializzazione della ricerca e la (nobile) tradizione dell'apertura dei risultati del proprio lavoro. A ben vedere questa dissociazione si riflette nel conflitto tra le differenti forme di controllo delle informazioni digitali che il contesto delle tecnologie informatiche e telematiche ha generato. Da una parte, un controllo rigido ed accentrato come quello che fa leva sul DRM. Dall'altra un controllo flessibile e decentrato come quello che si basa sulla GNU General Public License e le Creative Commons Licences. Le regole che disegnano in modo differente il controllo trovano le loro fonti nei negli standard tecnologici, nei contratti, nelle consuetudini e nei diritti statali. Il progresso della conoscenza e la libertà  di pensiero raccomandano di non preferire e legittimare un'unica forma di controllo. La libertà  di poter scegliere la forma di controllo che si ritiene più opportuna costituisce il presupposto dell'accrescimento della conoscenza nell'era digitale. Tuttavia, questa libertà , nell'ambito della ricerca scientifica finanziata con fondi pubblici incontra un limite. I risultati di questo tipo di ricerca dovrebbero essere prontamente e gratuitamente messi a disposizione del pubblico. A tale scopo occorre studiare qual è il migliore assetto istituzionale. Nell'ambito di questa linea di esplorazione, un ruolo fondamentale è rivestito dall'analisi dell'interazione tra proprieà  intellettuale, standard tecnologici, contratti e norme informali della comunità  scientifica. Tuttavia, la proprietà  intellettuale è solo uno (e non necessariamente il più importante) degli strumenti che governano la dinamica tra apertura e chiusura della conoscenza scientifica. La dislocazione delle funzioni tipiche della pubblicazione scientifica agli intermediari della società dell'informazione innesca una serie di nuovi rischi. Per contrastare questi rischi, occorre guardare oltre la proprietà  intellettuale e prendere sul serio la governance di Internet.

Item Type:Conference or Workshop Item (Presentazione)
ID Code:706
Status:Unpublished
Uncontrolled Keywords:Open Access, accesso aperto alle pubblicazioni scientifiche, proprietà intellettuale, norme informali, tecnologie digitali
Subjects:Area 11 - Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche > M-STO/08 Archivistica, bibliografia e biblioteconomia
Area 12 - Scienze giuridiche > IUS/02 Diritto privato comparato
Divisions:001 Università di Sassari > 02 Centri > Sistema bibliotecario di Ateneo
Deposited On:18 Aug 2009 10:03

I documenti depositati in UnissResearch sono protetti dalle leggi che regolano il diritto d'autore

Repository Staff Only: item control page