UnissResearch

Logo Universitàegli studi di Sassari
titoli, abstracts, parole chiave >>>
Evidenze morfologiche e genetiche a sostegno dell'esistenza di due specie di Ophelia (Annelida, Polychaeta) nel Mediterraneo occidentale. Un caso di speciazione ecologica?

Maltagliati, Ferruccio and Casu, Marco and Castelli, Alberto (2004) Evidenze morfologiche e genetiche a sostegno dell'esistenza di due specie di Ophelia (Annelida, Polychaeta) nel Mediterraneo occidentale. Un caso di speciazione ecologica? In: Ecologia quantitativa: metodi sperimentali, modelli teorici, applicazioni: atti del 13. Congresso nazionale della Società Italiana di Ecologia, 8-10 settembre 2003, Como, Italia. [6] p.. Conference or Workshop Item.

[img]
Preview
Full text disponibile come PDF Richiede visualizzatore di PDF come GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

205Kb

Alternative URLs:

Abstract

Ophelia bicornis s.l. è un polichete di habitat intertidali sabbiosi del Mediterraneo e delle coste atlantiche europee. La sua sistematica è stata molto dibattuta in passato, poiché la variabilità dei caratteri morfologici diagnostici spesso induce in errore. Con il presente lavoro è stato effettuato un tentativo di fornire chiarimenti tassonomici all'interno del genere Ophelia. Sono stati raccolti 898 individui in 15 località del Mediterraneo occidentale. Sono stati analizzati i caratteri morfologici solitamente usati e 8 marcatori genetici (alloenzimi). Sulla base del numero dei nefridiopori è stato possibile individuare due morfotipi principali: 5+5 e 6+6. Le distanze genetiche, la F-statistica e l'AMOVA concordano nel separare i due morfotipi a livello di specie. Pertanto gli individui che sino ad oggi erano assegnati al taxon O. bicornis s.l., nel Mediterraneo occidentale, appartengono a due specie valide: Ophelia bicornis (Savigny, 1818) e Ophelia barquii (Fauvel, 1927), rispettivamente con 6 e 5 coppie di nefridiopori. Dato il grande potenziale per la dispersione larvale e quindi per il flusso genico a grandi distanze, si ritiene che il classico modello di speciazione allopatrica sia da escludere. È plausibile che sia avvenuta speciazione ecologica, in cui la selezione naturale a livello di microhabitat ha probabilmente giocato un ruolo importante nella differenziazione di queste specie, nonostante le potenzialità per la dispersione.

Item Type:Conference or Workshop Item (Lecture)
ID Code:683
Status:Published
Uncontrolled Keywords:Alloenzimi, caratteri morfologici, dispersione, divergenza, flusso genico, speciazione, sistematica
Subjects:Area 05 - Scienze biologiche > BIO/05 Zoologia
Divisions:001 Università di Sassari > 01 Dipartimenti > Zoologia e genetica evoluzionistica
Deposited On:18 Aug 2009 10:02

I documenti depositati in UnissResearch sono protetti dalle leggi che regolano il diritto d'autore

Repository Staff Only: item control page