titoli, abstracts, parole chiave >>>
Approccio partecipativo per lo sviluppo integrato e la gestione delle zone marginali in Nord Africa: progetto dimostrativo di lotta alla desertificazione in Marocco e Tunisia

Mulas, Maurizio and Bellavite, Davide and Lubino, Marcello and Belkheiri, Oumelkheir and Enne, Giuseppe (2010) Approccio partecipativo per lo sviluppo integrato e la gestione delle zone marginali in Nord Africa: progetto dimostrativo di lotta alla desertificazione in Marocco e Tunisia. In: 39. Convegno della Società italiana di agronomia: atti, 20-22 settembre 2010, Roma, Italia. [S.l.], Società italiana di agronomia. p. 67-68. ISBN 9788890438714. Conference or Workshop Item.

[img]
Preview
Full text disponibile come PDF Richiede visualizzatore di PDF come GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
33Kb

Alternative URLs:

Abstract

Nelle zone aride e semiaride, l’agricoltura e la pastorizia rappresentano fondamentali risorse per la sussistenza delle popolazioni locali. Nonostante la loro importanza strategica, in queste aree, le produzioni risultano sovente limitate e irregolari, manifestando un grosso limite allo sviluppo delle attività agropastorali. Gli ecosistemi dei territori interessati si presentano spesso fragili, a causa dell’azione combinata di fattori climatici e delle attività umane. L'aratura e la rimozione indiscriminata della vegetazione, insieme all’irregolarità e all’insufficienza delle piogge sono spesso responsabili di fenomeni di degrado dei suoli, distruzione su grande scala della copertura vegetale e desertificazione. La crescente domanda di foraggio per gli allevamenti, di gran lunga superiore alla produttività dei pascoli (Le Houerou, 1990; 2000), ha provocato un aumento della pressione sul pascolo e la messa in coltura ad orzo di terre tradizionalmente adibite esclusivamente a pascolo, causando una accelerazione dei fenomeni di degrado del suolo (Abu Zenat et al. 2004). Inoltre, si è evidenziato un impoverimento qualitativo dei pascoli, dove le specie di alto valore foraggero sono spesso sostituite da piante meno produttive, meno appetibili e meno nutrienti di quelle originali (Juneidi and Abu-Zanat, 1993). In questo contesto, l’impianto di arbusti foraggeri garantisce la copertura vegetale del suolo, offrendo protezione contro l’erosione e rappresenta una potenziale risorsa di foraggio e legna da ardere (Mulas e Mulas, 2004). Le specie Opuntia ficus indica, particolarmente tollerante all’erosione idrica ed eolica (Nefzaoui et al. 2000), e Atriplex nummularia, perfettamente adatta ai climi mediterranei aridi o semiaridi (Hyder ed Akil, 1987), sono le più impiegate nelle regioni del Nord Africa e Medio Oriente. In questo lavoro si riportano i risultati di un intervento di sviluppo integrato, basato sull’impianto di Opuntia ficus indica e Atriplex sp.pl., nell’ambito del progetto europeo SMAP II “Demonstration Project on Strategies to Combat Desertification in Arid Lands with Direct Involvement of Local Agropastoral Communities in North Africa ” coordinato da NRD-UNISS e realizzato in aree aride e semiaride degradate di Marocco e Tunisia.

Item Type:Conference or Workshop Item (Lecture)
ID Code:5907
Status:Published
Uncontrolled Keywords:Agricoltura, zone aride, Marocco, Tunisia
Subjects:Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > AGR/03 Arboricoltura generale e coltivazioni arboree
Divisions:001 Università di Sassari > 01 Dipartimenti > Economia e sistemi arborei
001 Università di Sassari > 02 Centri > Centro interdipartimentale Nucleo di ricerca sulla desertificazione
Publisher:Società italiana di agronomia
ISBN:9788890438714
Publisher Policy:Depositato per gentile concessione dell'Editore
Deposited On:11 Apr 2011 15:50

I documenti depositati in UnissResearch sono protetti dalle leggi che regolano il diritto d'autore

Repository Staff Only: item control page