UnissResearch

Logo Universitàegli studi di Sassari
titoli, abstracts, parole chiave >>>
Il Gabinetto archeologico ed il Museo dell’Università nell’Ottocento

Mastino, Attilio (2010) Il Gabinetto archeologico ed il Museo dell’Università nell’Ottocento. In: Mattone, Antonio Vincenzo Peppino (ed). Storia dell'Università di Sassari, Nuoro, Ilisso. V. 2, p. 189-205: ill. ISBN 978-88-6202-072-5. Book Section.

[img]
Preview
Full text disponibile come PDF Richiede visualizzatore di PDF come GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
1939Kb

Abstract

La storia del Museo Nazionale di Sassari inizia quasi due secoli fa nelle sale dell’antico palazzo dell’Università, dove furono ospitati a partire dal 1819 quei pochi «oggetti antichi», che venivano raccolti nel corso degli scavi archeologici promossi dalla regina Maria Teresa d’Austria a Porto Torres; scavi effettuati dal pittoresco frate architetto, esperto di esplosivi, Antonio Cano, che aveva portato alla luce la base del prefetto Marco Ulpio Vittore relativa al restauro del tempio della Fortuna e della basilica giudiziaria, monumento che è alla base della falsificazione delle Carte d’Arborea e che subito fu trasferito a Sassari nel palazzo dell’università. Il 18 marzo dell’anno successivo fu rinvenuta la base della statua dell’augure Quinto Allio Pudentillo, eretta dalle ventitré curie e dai ministri dei Lares Augusti, anch’essa destinata ad essere studiata e fraintesa dai falsari. All’età di appena 16 anni, Giovanni Spano aveva avuto modo di seguire con ingenua curiosità la vicenda degli scavi effettuati a Porto Torres nell’area di Palazzo di Re Barbaro, restando impressionato dai reperti, «pietre scritte o rocchi di colonne», che iniziavano ad essere raccolti nella sala dei professori dell’università (nell’anticamera dell’attuale Sala Eleonora d’Arborea). Con il passare del tempo la collezione si estese, allargandosi sempre al pian terreno della università via via all’atrio e al cortile, poi con l’arrivo da Turris Libisonis di nuovi reperti, sarcofagi, iscrizioni, statue, fino al pianerottolo ed alle scale; infine si tentò senza successo di occupare anche la cappella dedicata a San Giuseppe, che sarebbe poi stata effettivamente sconsacrata ma formalmente destinata alla Facoltà di Medicina. Il Museo Archelogico istituito nel 1879 ed inaugurato l’anno dopo, fu poi ospitato al primo piano del palazzo universitario, in due sale collocate nell’ala destinata in precedenza alla biblioteca.
Le origini del museo sono dunque strettamente collegate alla vita di Giovanni Spano, che proprio nell’aula magna dell’università conseguì a pieni voti il 14 luglio 1825 la laurea in Teologia, davanti ad una commissione di undici membri presieduta dall’arcivescovo Carlo Tommaso Arnosio. Cinque anni dopo Spano conseguì il titolo di dottore in arti liberali ed in particolare in filosofia.

Item Type:Book Section
ID Code:5757
Status:Published
Uncontrolled Keywords:Università di Sassari, Museo Nazionale e Gabinetto Archeologico, Spano Giovanni
Subjects:Area 10 - Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche > L-ANT/03 Storia romana
Divisions:001 Università di Sassari > 01 Dipartimenti > Storia
Publisher:Ilisso
Copyright Holders:© 2010 Ilisso
ISBN:978-88-6202-072-5
Publisher Policy:Depositato per gentile concessione dell'Editore
Deposited On:18 Mar 2011 12:20

I documenti depositati in UnissResearch sono protetti dalle leggi che regolano il diritto d'autore

Repository Staff Only: item control page