UnissResearch

Logo Universitàegli studi di Sassari
titoli, abstracts, parole chiave >>>
Sant'Agostino e il Cantico dei Cantici

Meloni, Pietro (2007) Sant'Agostino e il Cantico dei Cantici. Sandalion, Vol. 29-30 (2006-2007 pubbl. 2007), p. 95-111. Article.

[img]
Preview
Full text disponibile come PDF Richiede visualizzatore di PDF come GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
1090Kb

Abstract

Il Cantico dei Cantici è il Santo dei Santi . La parola del maestro Rabbi Aqiba ai rabbini dell' Accademia di Jamnia proclamava la sacralità del Cantico dei Cantici con il significativo accostamento al Sancta Sanctorum del Tempio di Gerusalemme e consegnava definitivamente il canto biblico dell' amore allo scrigno immortale dei libri ispirati da Dio. Il Cantico dei Cantici «lo proclamò Salomone re d'Israele, ispirato dallo Spirito Santo, davanti al Sovrano di tutto il mondo», affermava la tradizione targumica, cui faceva eco la tradizione liturgica: «Questo cantico comprende tutta la Torah; comprende tutta l'opera della creazione; comprende il mistero dei Padri; comprende l'esilio in Egitto e l'uscita d'Israele dall'Egitto e il canto del mare; comprende l'essenza del decalogo e il patto del monte Sinai e il peregrinare d'Israele nel deserto, fino all'ingresso nella terra e alla costruzione del tempio; comprende l'incoronazione del santo nome celeste nell' amore e nella gioia; comprende l'esilio d'Israele fra le nazioni e la sua redenzione; comprende la risurrezione dei morti fino al giorno che è il sabato del Signore». Agostino amò il Cantico dei Cantici e lo valorizzò con meditata umiltà, manifestando la gratitudine a Dio per avergli aperto gli occhi dello spirito nella trasfigurazione del suo giovanile amore carnale verso il più alto grado dell' amore spirituale. Egli non dedicò le sue omelie e i suoi trattati alla esplicita spiegazione del Cantico, ma la presenza nelle sue opere di circa duecento citazioni del libro, soffuse sempre dalla fragranza degli aromi primaverili del Cantico, conferma la sua immersione nell' oceano della spiritualità sponsale: «Tu sei il mio Dio, a te sospiro giorno e notte ... Mi hai abbagliato, mi hai folgorato, e finalmente hai guarito la mia cecità. Hai alitato su di me il tuo profumo ed io l'ho respirato e ora anelo a Te» (Confessioni 10, 27,38).

Item Type:Article
ID Code:4922
Status:Published
Refereed:Yes
Uncontrolled Keywords:Sant'Agostino, Cantico dei Cantici
Subjects:Area 10 - Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche > L-FIL-LET/06 Letteratura cristiana antica
Divisions:001 Università di Sassari > 01 Dipartimenti > Scienze umanistiche e dell'antichità
Publisher:Università degli studi di Sassari, Dipartimento di Scienze umanistiche e dell’antichità - EDES Editrice Democratica Sarda
Publisher Policy:Depositato per gentile concessione di EDES
Additional Information:ISBN 88-6025-036-6
Deposited On:22 Nov 2010 17:00

I documenti depositati in UnissResearch sono protetti dalle leggi che regolano il diritto d'autore

Repository Staff Only: item control page