UnissResearch

Logo Universitàegli studi di Sassari
titoli, abstracts, parole chiave >>>
Citologia del liquor cefalo-rachidiano (LCR) nella diagnosi di cenurosi ovina: risultati preliminari

Manunta, Maria Lucia Gabriella M. and Masala, Gerolamo and Zobba, Rosanna and Evangelisti, Maria Antonietta and Pinna Parpaglia, Maria Luisa and Antuofermo, Elisabetta and Scala, Antonio and Sanna Passino, Eraldo (2008) Citologia del liquor cefalo-rachidiano (LCR) nella diagnosi di cenurosi ovina: risultati preliminari. In: 28. Congresso Nazionale S.I.P.A.O.C, 17-20 settembre 2008, Trezzo sull’Adda (MI), Italy. [S.l.], [s.n.]. p. 194. Conference or Workshop Item.

Full text not available from this repository.

Alternative URLs:

Abstract

La cenurosi cerebrale è una malattia ad esito solitamente letale che colpisce prevalentemente gli ovini, sostenuta dalla forma larvale (Coenurus cerebralis) del parassita Taenia multiceps. Conosciuta sin dal XVII sec, costituisce un problema sanitario rilevante nelle regioni dove l’allevamento ovi-caprino è preminente, dato che il tasso medio di mortalità nella quota di rimonta può raggiungere il 20%.Vengono descritte due forme cliniche: acuta e cronica. La prima si osserva in genere in soggetti giovani ed è provocata dalla penetrazione e migrazione delle forme immature nel SNC. La gravità dei segni clinici, compatibili con una meningoencefalite, dipende dal numero di parassiti, dalla loro localizzazione nel SNC e dall’entità della risposta dell’ospite. La forma cronica colpisce animali di 10/18 mesi ed è causata dalla compressione della cisti ormai matura sulle strutture del SNC. Attualmente la diagnosi intra vitam è presuntiva basandosi sul segnalamento e sui segni clinici che, pur caratteristici, non sono sempre patognomonici. Accertamenti diagnostici quali gli esami sierologici non sono utili mentre l’uso della RMI e della TAC, specifici e sensibili, non sono compatibili con il rapporto costo/beneficio. Tuttavia la diagnosi in vita si rende quanto mai necessaria sia per differenziarla da malattie da prioni oggetto di misure sanitarie di controllo, sia per approntare un approccio terapeutico di tipo medico, al momento solo sperimentale, o chirurgico che può portare alla guarigione. Un aiuto potrebbe derivare dall’esame citologico del liquor cefalo rachidiano (LCR); metodica poco invasiva, rapida, economica e con un’ottima attendibilità nell’individuare forme infiammatorie, neoplastiche o degenerative.

Item Type:Conference or Workshop Item (Lecture)
ID Code:4907
Status:Published
Uncontrolled Keywords:Coenurus cerebralis, ovino, citologia, liquido cefalo rachidiano
Subjects:Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > VET/09 Clinica chirurgica veterinaria
Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > VET/08 Clinica medica veterinaria
Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > VET/06 Parassitologia e malattie parassitarie degli animali
Area 07 - Scienze agrarie e veterinarie > VET/03 Patologia generale e anatomia patologica veterinaria
Divisions:001 Università di Sassari > 01 Dipartimenti > Patologia e clinica veterinaria
001 Università di Sassari > 01 Dipartimenti > Biologia animale
Publisher:[s.n.]
Deposited On:23 Nov 2010 12:50

I documenti depositati in UnissResearch sono protetti dalle leggi che regolano il diritto d'autore

Repository Staff Only: item control page