titoli, abstracts, parole chiave >>>
"Patina d'antico" da Dioniso d'Alicarnasso a Winckelmann

Fornaro, Maria (2001) "Patina d'antico" da Dioniso d'Alicarnasso a Winckelmann. Sandalion, Vol. 21-22 (1998-1999 pubbl. 2001), p. 35-45. Article.

[img]
Preview
Full text disponibile come PDF Richiede visualizzatore di PDF come GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
690Kb

Abstract

Nello stile platonico 'riuscito' c'è come una «patina d'antico»: così ho tradotto l'espressione ó πίνoς ó της άρχαιóτητoς; πίνoς non è un termine facile; in altri autori, senza che abbia nulla a che vedere con lo stile, è usato nel senso di «sporcizia, untuosità» oppure «coloratura». Il primo ad usarlo in senso stilistico è Cicerone, ma non ne ricaviamo nulla di preciso. E nemmeno dai pochissimi autori posteriori, in cui il termine è comunque, come in Dionisio, collegato ad un tipo di letteratura che 'sa d'antico'. Il senso di ‘patina’ soddisfa anche perché l'immagine di Dionisio nel trattato Su Demostene, la più complessa dove ricorra il termine πίνoς, si concentra sulla superficie dello stile, che è paragonata ad un prato d'erba appena appena mosso dalla brezza, una superficie solo in apparenza uniforme, in realtà viva di impercettibili movimenti, tra fili d'erba e fiori che nella distesa si confondono.
Più tardi l'abate Charles Batteux nella sua traduzione del De composizione verborum (1788) rendeva con esattezza il termine: «specie di ruggine o di vernice antica». Ed in nota aggiungeva: «è il gusto dell'antico, il sapore dell'antico».
Ai dotti francesi, anche a Batteux che ci era andato molto vicino con la traduzione, non venne in mente il paragone con l'antica statuaria, ossia la scultura in bronzo, nella quale la «patina», la «sporcizia» che si forma sul metallo indica l'antichità delle statue. Quest'analogia con la statuaria è invece alla base delle spiegazioni del termine date dai commentatori moderni.
Il paragone col bronzo, però, è solo uno dei possibili. A questo passo si dedicò Johann Heinrich Winckelmann, la cui spiegazione è del tutto negletta, e che qui invece si vuole ricordare, e non solo per amore d'erudizione.

Item Type:Article
ID Code:4679
Status:Published
Refereed:Yes
Uncontrolled Keywords:Platone, stile, critica
Subjects:Area 10 - Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche > L-FIL-LET/02 Lingua e letteratura greca
Divisions:001 Università di Sassari > 01 Dipartimenti > Teorie e ricerche dei sistemi culturali
Publisher:Università degli studi di Sassari, [Dipartimento di Scienze umanistiche e dell’antichità] – Edizioni Gallizzi
Publisher Policy:Depositato per gentile concessione di Edizioni Gallizzi
Deposited On:14 Oct 2010 11:08

I documenti depositati in UnissResearch sono protetti dalle leggi che regolano il diritto d'autore

Repository Staff Only: item control page