titoli, abstracts, parole chiave >>>
Giustizia costituzionale e Corte costituzionale

Cecchetti, Marcello (2009) Giustizia costituzionale e Corte costituzionale. In: Panizza, Saulle (ed). Ragazzi, che Costituzione!: elementi di cittadinanza e Costituzione, 2. ed. ampliata e aggiornata, Pisa, PLUS. p. 223-246. ISBN 9788884926012. Book Section.

Full text not available from this repository.

DOI: 10.1400/136625

Abstract

A distanza di più di mezzo secolo dall’approvazione della nostra Costituzione repubblicana, la quale prevede, come fondamentale istituto di garanzia, la presenza nel sistema di un apposito “tribunale”, la Corte costituzionale, cui è affidato – in primis – il controllo di legittimità costituzionale delle leggi e degli atti con forza di legge dello Stato e delle Regioni (art. 134), non si può dire ancora che la “cultura” della giustizia costituzionale sia caratterizzata da radici particolarmente solide e diffuse nel “comune sentire” del popolo italiano. Ciò, non tanto perché la Corte è ancora, senza dubbio, l’istituzione meno conosciuta dalla maggior parte dei cittadini italiani, ma anche perché, addirittura sul piano politico e istituzionale, spesso si fatica a comprendere il ruolo e il significato delle funzioni che essa svolge.
Anche negli anni più recenti, purtroppo, non è affatto infrequente registrare le vivaci proteste di uomini politici che vanno lamentandosi dello “strano” fenomeno per cui quindici “signori”, sia pure dotati di sicura competenza tecnico-giuridica, ma nominati o eletti non direttamente dal corpo elettorale e dunque non legittimati dalla sovranità popolare, abbiano il potere di annullare decisioni del Parlamento sovrano. Come è possibile – si è rilevato, talora persino da parte di ministri della Repubblica, attraverso prese di posizione ufficiali – che nel nostro ordinamento quindici soggetti possano annullare le decisioni di seicentotrenta deputati e trecentoquindici senatori, eletti direttamente dal corpo elettorale?
Forse, dunque, prima ancora di illustrare quale sia la struttura della Corte, come sia organizzata, quali funzioni le siano assegnate e come queste vengano svolte nel “lavoro quotidiano”, risulta necessario provare a comprendere appieno che cosa sia la Corte costituzionale, il significato e il ruolo delle funzioni di garanzia che essa svolge e, in definitiva, la sua stessa ragione di esistere nella nostra Repubblica democratica (art. 1, Cost.).
Per fare ciò occorre dare una risposta a due domande fondamentali e logicamente preliminari. In primo luogo, è indispensabile chiarire che cosa sia la Costituzione nell’ambito di quella particolare forma di Stato che prende il nome di “Stato costituzionale” proprio in quanto fondato sulla supremazia della Costituzione e delle leggi costituzionali (e, dunque, del diritto costituzionale) rispetto a ogni altra fonte di produzione normativa (e, dunque, del diritto legislativo e sub-legislativo). Conseguentemente e in secondo luogo, occorre chiarire che cosa sia e come nasca la giustizia costituzionale, identificandone a grandi linee almeno i principali modelli di riferimento affermatisi nell’esperienza del costituzionalismo moderno.

Item Type:Book Section
ID Code:4419
Status:Published
Uncontrolled Keywords:Costituzione, diritto costituzionale, giustizia costituzionale
Subjects:Area 12 - Scienze giuridiche > IUS/09 Istituzioni di diritto pubblico
Divisions:001 Università di Sassari > 01 Dipartimenti > Scienze giuridiche
Publisher:PLUS
ISBN:9788884926012
Deposited On:30 Aug 2010 16:52

I documenti depositati in UnissResearch sono protetti dalle leggi che regolano il diritto d'autore

Repository Staff Only: item control page