titoli, abstracts, parole chiave >>>
Initia Urbis e sistema giuridico religioso romano (Ius sacrum e ius publicum tra terminologia e sistematica)

Sini, Francesco (2004) Initia Urbise sistema giuridico religioso romano (Ius sacrum e ius publicum tra terminologia e sistematica). Diritto @ storia (3). ISSN 1825-0300. Article.

[img]
Preview
Full text disponibile come PDF Richiede visualizzatore di PDF come GSview, Xpdf o Adobe Acrobat Reader
279Kb

Alternative URLs:

Abstract

Per introdurre il tema “Initia urbis e sistema giuridico-religioso romano”, mi pare molto pertinente un pensiero di Carlo Cattaneo, il quale nel 1858, in un saggio intitolato «La città considerata come principio ideale delle istorie italiane», scriveva quanto segue: «L’imperio romano comincia entro una città; è il governo di una città dilatato a comprendere tutte le nazioni che circondano il Mediterraneo. La fede popolare derivò la città di Roma dalla città d’Alba; Alba da Lavinio, Lavinio dalla lontana Troia; le generazioni dei popoli apparvero alla loro mente generazioni di città». In quello stesso anno, il 1858, N.D. Fustel De Coulanges concludeva la sua tesi dedicata alla dea Vesta, che costituisce – com’è noto – il nucleo centrale della Cité antique, pubblicata qualche anno più tardi, nel 1864. In quell’opera, il grande storico e comparatista francese ha disegnato, con genialità ed acutezza, la città antica «come complesso d’istituzioni politico-religiose, originale e irripetibile». Peraltro, l’originalità della città antica, cioè quale insieme di strutture urbane e istituzioni giuridico-religiose, era stata già evidenziata da J.-J. Rousseau, nel Contrat social (libro I, cap. VI): «Le vrai sens de ce mot [cité] s’est presque entièrement effacé chez les modernes; la plupart prennet une ville pour une Cité et un bourgeois pour un citoyen. Il ne savent pas que les maisons font la ville, mais que les citoyens font la cité». Rousseau assumeva, in tal modo, la definizione della civitas che davano i Romani, intesa essenzialmente quale comunità di cittadini liberi; come attesta fra gli altri Cicerone: De re publ. 1.49: quid est enim civitas nisi iuris societas civium? Ma veniamo agli initia Urbis. In una monografia dedicata alla fondazione di Roma, Alexandre Grandazzi sostiene che gli antichi Romani ebbero coscienza del «recommencement perpétuel» che aveva caratterizzato la storia della loro città, in ragione delle varie ‘fondazioni’, quindi dei varii inizia, di cui essa era stata oggetto in epoche diverse. Certo connesso ad un nuovo initium Urbis , o se si preferisce ad una rifondazione di Roma, appare lo stesso Augusti cognomen attribuito ad Ottaviano nel 27 a.C., quando in Senato prevalse la proposta di Munazio Planco su quanti ritenevano che lo si dovesse chiamare invece Romolo. Dal passo di Svetonio, che ci riferisce nel dettaglio l’episodio, apprendiamo che quel nome fu scelto ispirandosi al noto verso, con cui il poeta Ennio aveva cantato l’antichissima fondazione dell’Urbe: Augusto augurio postquam inclyta condita Roma est. Invero l’esempio di Augusto è particolarmente calzante anche agli affetti del nostro discorso; in quanto la sua presenza nella storia di Roma rappresenta per poeti e storiografi dell’epoca l’angolo di osservazione imprescindibile da cui rimodellare la tradizione (mitica, religiosa e giuridica) degli initia urbis. Non è certo una novità, sostenere la tesi che negli scrittori dell’età augustea (o meglio ancora nell’ideologia che presiedeva alla ‘restaurazione’ augustea) il motivo storiografico dell’antichissima fondazione della urbs Roma (origo Urbis e imperii principium, per usare le parole di Tito Livio) si saldava indissolubilmente con il presente: sia con le giustificazioni religiose insite nella concezione provvidenziale e universalistica dell’impero ‘mondiale’ dei Romani; sia col mito dell’eternità di Roma. Questo è, dunque, il mio punto di partenza, per indagare gli initia urbis in relazione ai riti di fondazione delle città, alla terminologia, ad alcune realtà spirituali e materiali, infine all’infinito spazio-temporale dell’imperium populi Romani.

Item Type:Article
ID Code:154
Status:Published
Refereed:Yes
Uncontrolled Keywords:Ovidio, Urbis origo, Tito Livio, Virgilio, Eneide
Subjects:Area 12 - Scienze giuridiche > IUS/18 Diritto romano e diritti dell'antichità
Divisions:001 Università di Sassari > 01 Dipartimenti > Scienze giuridiche
Publisher:Diritto @ storia
ISSN:1825-0300
Additional Information:Relazione presentata nel Congresso internazionale «Mundus novus. America. Sistema giuridico latinoamericano», Roma 26-29 novembre 2003, organizzato nel quadro delle attività del “Comitato Nazionale per la celebrazioni del Quinto Centenario del viaggio di Amerigo Vespucci (1501-1502)”, per iniziativa del prof. Sandro Schipani (Università di Roma ‘Tor Vergata’), componente della Giunta del medesimo Comitato.
Deposited On:18 Aug 2009 10:01

I documenti depositati in UnissResearch sono protetti dalle leggi che regolano il diritto d'autore

Repository Staff Only: item control page